Stranieri: "Strada liceo, il sindaco chiede aiuto alla Regione"

Girifalco, Mercoledì 04 Ottobre 2017 - 08:47 di Redazione

Che la strada che porta al liceo scientifico di Girifalco stia giorno dopo giorno cedendo lo testimonia il fatto che sia stato lo stesso sindaco di Girifalco Pietrantonio Cristofaro il 2 ottobre scorso a chiedere a regione Calabria, dipartimento delle Infrastrutture ed autorità di bacino regionale che venga emesso un apposito decreto per realizzare lavori di somma urgenza e di protezione civile nell’area in cui sorge questo immobile che è frequentato da oltre 200 persone tra studenti e personale in servizio. Un decreto specifico, sulla base di quanto previsto da una delibera regionale del luglio scorso che si riferisce al programma di interventi di difesa del suolo nell’ambito del Piano per il Mezzogiorno, in cui è stato individuato un apposito progetto di messa in sicurezza del liceo e delle aree limitrofe per 985mila euro. Tutto questo perché “nonostante i lavori di messa in sicurezza sia da parte della Erg (gestore del parco eolico di Amaroni) sul cavidotto contenuto nel cassonetto stradale, che dell’Asp nell’ambito della costruzione delle Rems, - ha precisato ancora sindaco nella missiva - la strada continua ad avere movimenti gravitativi dovuti alla presenza di una falda acquifera e la sua progressione potrebbe mettere a repentaglio il passaggio pedonale all’uopo creato per permettere l’accesso alla scuola da parte della popolazione scolastica del liceo, il che comporterebbe gravi disagi agli utenti”. Insomma, sembrerebbe che gli interventi “tampone” prodotti nel corso dei giorni trascorsi non abbiano prodotto alcun esito e dunque non aveva tutti i torti il capogruppo de i “Cittadini liberi e attivi” Luigi Antonio Stranieri che dopo lo scambio epistolare tra quest’ultimo e il capo del dipartimento di Protezione civile Carlo Tansi allertava sindaco e maggioranza oltreché il dirigente scolastico che qualcosa nell’area non andava bene per nulla. Va peraltro ribadito come il capogruppo dell’opposizione Stranieri ha sottolineato all’indomani del dialogo intercorso con Tansi se subito dopo l’evento alluvionale del gennaio scorso, siano state eseguite tutte le prescrizioni da quest’ultimo indicate nell’area circostante: ovvero verifica di stabilità dei luoghi in dissesto e il risanamento idrogeologico e ambientale. Peraltro è ancora il sindaco a precisare che per la messa in sicurezza “del fronte di frana del liceo è necessaria la realizzazione di opere geotecniche in grado di contenere tali movimenti franosi”. Nella lettera ai diversi organi regionali il sindaco ha evidenziato inoltre come l’intervento da porre in essere sia urgente anche perché “la circonvallazione è un’importantissima arteria comunale la cui messa fuori servizio configura a- a dire del sindaco - che significherebbe un’interruzione di pubblico servizio”. E’ del tutto evidente che se il liceo “non presenta problemi di natura strutturale”, è però altrettanto vero come ha puntualizzato il sindaco che “il suo accesso in sicurezza è fortemente penalizzato dalla situazione che si è venuta a creare”. 



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code