Stranieri: in alcuni punti cede la strada che porta al liceo

Girifalco, Domenica 24 Settembre 2017 - 19:15 di Redazione

Un tratto della strada che conduce al liceo scientifico “Ettore Majorana”, inaugurato in coincidenza dell’apertura dell’anno scolastico soltanto pochi giorni fa, sta gradualmente cedendo. In un punto centrale si è aperta una falla che è stata ricoperta subito, ma che se ha risolto temporaneamente il problema, non ha tuttavia risolto la mole di problemi che su questa strada insistono. Quella stessa strada sistemata nell’arco di un tempo relativamente breve, per consentire l’agevolazione dell’accesso degli studenti e del personale che vi lavora, dunque non era evidentemente così stabile come si diceva all’inizio. Beninteso, non ci sono state piogge incessanti nei giorni scorsi che abbiano potuto provocare una tale situazione, anzi, il tempo è stato abbastanza clemente in questo mese, laddove rispetto altre zone più sfortunate d’Italia hanno avuto la peggio. Eppure tant’è. Va peraltro sottolineato come anche qui il capogruppo de i “Cittadini liberi e attivi” Luigi Antonio Stranieri lo aveva chiaramente detto poco prima dell’inizio dell’anno scolastico senza tanti fronzoli e soprattutto aveva fatto presente qualche mese fa che l’instabilità dell’area dove oltre al liceo – va aggiunto – vi è il complesso monumentale ed in particolare la costruenda futuribile struttura dove debbono essere collocate le Rems. Nel frattempo, il consigliere comunale Stranieri ha ricevuto una missiva nella quale lo stesso presidente della Protezione civile Carlo Tansi ha espresso le sue constatazioni riguardo a quest’area.    “Nell’area dissestata dove sorge il liceo è stato fatto il risanamento idrogeologico e ambientale?” Il capo della Protezione civile regionale Tansi risponde alle preoccupazioni manifestate dal consigliere Stranieri sulla base dell’interrogazione inoltrata al sindaco   “In merito al dissesto che ha interessato l’area prospiciente alla struttura scolastica si specifica che il personale tecnico di questa Unità organizzativa autonoma di Protezione civile regionale presso il dipartimento della presidenza della regione Calabria ha espletato un apposito sopralluogo in emergenza in data 23 gennaio 2017 e che nel relativo verbale di sopralluogo redatto, inviato anche al Comune di Girifalco, è stato fra l’altro precisato che la futura utilizzazione dell’area interessata dal dissesto e delle relative opere che su essa insistono (edificio scolastico, strada, ecc.) non può prescindere da una verifica di stabilità globale dell’area in dissesto e dal risanamento idrogeologico e ambientale della stessa”. Non si fa dunque attendere la risposta del capo della Protezione civile Carlo Tansi che ha inviato direttamente al capogruppo dei i “Cittadini liberi e attivi” Luigi Antonio Stranieri una missiva di chiarimento in merito all’interrogazione urgente a risposta scritta sottoposta da quest’ultimo al sindaco di Girifalco Pietrantonio Cristofaro riguardo all’utilizzo del liceo scientifico ed alle aree limitrofe. Peraltro, “ogni attività successiva alla fase emergenziale – ha concluso Tansi - è stata demandata al sindaco del comune di Girifalco, nella sua qualità di autorità di Protezione civile locale e di ufficiale di governo”. Il capogruppo de i “Cittadini liberi e attivi” Stranieri, come si ricorderà, appena due giorni prima dell’inizio delle scuole di ogni ordine e grado aveva in pratica fatto presente come per la realizzazione della strada che porta al liceo in particolare non siano state realizzate le relative opere di canalizzazione delle acque, che sulla stessa non sia stato effettuato un apposito collaudo e che in ogni caso non siano presenti tutte quelle opere a sostegno della struttura. Per il consigliere de i “Cittadini liberi e attivi” in buona sostanza il rischio che insiste sulla zona nell’eventualità si verifichino delle intemperie è alto e, di conseguenza, non va sottaciuta la probabilità che l’area interessata dal dissesto possa subire delle conseguenze nefaste. “Abbiamo detto ed evidenziato a chiare lettere quanto abbiamo sempre paventato. Il nostro auspicio, pertanto, è che il sindaco abbia ottemperato a tutti quegli obblighi che la stessa Protezione civile in capo al suo dirigente regionale ha posto in evidenza. E’ del tutto evidente che non possiamo continuare ad essere preda degli eventi e, contestualmente, sperare che tutto vada bene, ovvio. Però l’atteggiamento e l’attivarsi in prima persona come farebbe qualunque buon padre di famiglia di fronte ad una struttura che ospita oltre 200 utenti tra alunni e personale didattico ed amministrativo per la loro tutela e sicurezza soprattutto, per noi Cittadini liberi e attivi  - ma per le tutte persone di buon senso aggiungerei - è e rimane una priorità ineludibile”. 

capogruppo de i “Cittadini liberi e attivi” Luigi Antonio Stranieri



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code